Enti e Società pubbliche

Lo Studio offre assistenza, anche in ambito contenzioso, ad amministrazioni pubbliche e società a partecipazione pubblica, nei settori del diritto amministrativo, civile e penale.

I nostri professionisti assistono gli enti pubblici nelle procedure di affidamento di appalti e concessioni e nella fase di esecuzione del contratto; hanno inoltre maturato esperienza negli affidamenti in-house di pubblici servizi e nella costituzione di società miste pubblico-private.

Nella materia del governo del territorio, la consulenza si estende alla pianificazione territoriale e urbanistica, generale e attuativa, ai progetti di rigenerazione urbana e alle connesse problematiche paesaggistiche, ambientali ed espropriative, oltre che ai diversi aspetti dell’attività edilizia.

Lo Studio si occupa di gestione dei beni del demanio e delle problematiche connesse al regime delle acque pubbliche, prestando assistenza anche innanzi ai Tribunali delle acque.

Svolgiamo attività difensiva degli enti pubblici nell’ambito di procedimenti penali e vertenze civili.

News

SLM | NEWS Contratto d’appalto e contratto d’opera: analogie e differenze.

Ai sensi dell’art. 1655 c.c. l’appalto è il contratto con il quale una parte assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un’opera o di un servizio verso un corrispettivo in danaro. Ex art. 2222 c.c. si configura contratto d’opera quando una persona si obbliga a compiere, verso […]

SLM | NEWS La Cassazione torna sulla definizione di “amministratore di fatto”.

Chiamata ad esprimersi in un caso di bancarotta fraudolenta patrimoniale per distrazione, la quinta sezione della Cassazione con la sentenza n. 4816 depositata lo scorso 2 febbraio ha chiarito la definizione della qualifica di amministratore di fatto. Per essere individuato quale amministratore di fatto è necessario l’esercizio in modo continuativo e significativo dei poteri tipici […]

SLM | NEWS Pubblico Impiego – La quantificazione del risarcimento del danno da abusivo utilizzo del contratto a termine.

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione con l’ordinanza n.31652 del 14 novembre 2023 ha fissato i criteri per la quantificazione del risarcimento del danno da abusivo utilizzo del contratto a termine ed in particolare ha affermato che: “Il giudice del merito ha potere discrezionale nella quantificazione dell’indennità, che non può essere inferiore a 2,5 […]

Iscriviti alla nostra newsletter

[contact-form-7 404 "Non trovato"]